1973/1974 Diavoli HC Milano

In pieno giugno Diavoli Milano e Turbine si accordano per proseguire insieme. Con il ritiro di Leonardo Cutrera i gialloverdi tornano a essere l’ideale serbatoio del club presieduto da Tullio Monzino. Il CD è unitario, oltre a Monzino ne fanno parte il vice Roberto Vaccari (Turbine), i consiglieri Pavoni e Ravegnani (Diavoli), Sergio Vaccari e Giampaolo Beretta (Turbine).

A inizio stagione il primo colpo di scena: il rapporto tra i Diavoli e il marchio Standa cessa di esistere. Tullio Monzino è ancora ai vertici del club, ma il futuro è in altalena: per proseguire serve un abbinamento pubblicitario. Dopo mancati accordi con alcune aziende, Liquigas apre uno spiraglio. Intanto la squadra allenata da Aldo Federici parte per una breve tournée in Francia con alcuni giocatori del Turbine e due canadesi; Ken Chipman (sarà lo straniero del Turbine in B) e il ventenne Jack Martin in Europa a sue spese alla ricerca di un ingaggio.

1973Partite amichevoliRisultato
10 ottobreSel. Francese-Diavoli Milano5-2
11 ottobreGap-Diavoli Milano6-3
12 ottobreGrenoble-Diavoli Milano3-4 (1-2; 2-1; 0-1)
Articolo parziale da “La Gazzetta dello Sport”.

Mille voci sulla stagione biancorossa, nessuna certezza. Nel frattempo Aldo Federici ha ricevuto l’incarico di allenare la Nazionale, che nel prossimo mese di marzo tenterà la risalita nel gruppo B nel mondiale francese. Primi incontri ufficiali degli azzurri proprio con la Francia. A Torre Pellice cinque Diavoli, P.L. Crispino (Turbine), alcuni nazionali e c’è ancora Jack Martin.

1973Partite amichevoliRisultato
Torre P. , 24 ottobreItalia-Diavoli Milano10-4
Lione, 26 ottobreFrancia-Italia2-3 (2-0; 0-0; 0-3)
Gap, 27 ottobreFrancia-Italia3-4 (2-1; 1-1; 0-2)

A meno di un mese dall’inizio del campionato la situazione sembra precipitare…

Da “Il Corriere della Sera”

La Frigoriferi Milanesi, proprietaria del Palazzo del ghiaccio, si dichiara pronta a collaborare.

Estratto da articolo “La Gazzetta dello Sport”.
Comunicato Diavoli HC Milano da “La Gazzetta dello Sport“.

La Frigoriferi Milanesi contatta immediatamente la commissione tecnica hockey (presidente Tino Crotti), chiedendo l’iscrizione in serie A di una squadra affiliata allo Skating Club Ambrosiano, che assumerà la denominazione di HC Milano. La ct accoglie la richiesta, Aldo Federici accetta l’incarico di allenatore, mentre nel ruolo di direttore sportivo rientra nel mondo dell’hockey Gino Bestagini.

Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
Articolo da “Il Corriere della Sera”.

L’HC Milano prende faticosamente forma e intensifica gli allenamenti. Bestagini intavola le trattative per il passaggio dei giocatori dai Diavoli al Milano e conferma l’arrivo di Stenico e Varotto dal Merano. Proposto il canadese Paul Giandomenico per il ruolo di straniero.

Trattative non semplici, emergono problemi di varia natura. La Frigoriferi Milanesi propone a Monzino la costituzione di una nuova società:

Consiglio di PresidenzaIng. Sergio Lavezzari, dott. Tullio Monzino e prof. Luigi Ceserani.
Vice presidentiFranco Grignani, Mino Pastorelli, Lamberto Ceserani

Tullio Monzino avanza una controproposta, propone un consiglio paritetico composto da elementi dei Diavoli e della Frigoriferi Milanesi, ma chiede senza mezzi termine la presidenza del club.

Parte articolo da “La Gazzetta dello Sport”.

A una settimana dall’inizio del campionato, anche grazie alla mediazione del presidente FISG Mario Pinferi, Tullio Monzino e Frigoriferi Milanesi raggiungono un accordo. Tullio Monzino è l’unico presidente del club, il consiglio direttivo è composto da elementi di pari numero, sia dei Diavoli che della Frigoriferi Milanesi. Decisivo l’apporto economico dello stesso Monzino e dall’ingresso di uno sponsor: la Mobili Pintus.

Gino Bestagini esce di scena, la carica di direttore sportivo viene affidata a Luciano Nucci, che lascia l’agonismo. Viene richiamato Jerry Lacasse, tornano a Milano anche Ivo De Toni, Gianfranco Rudatis e, dopo una stagione all’Asiago, Antonio Casagrande. Al gruppo si uniscono Renzo Stenico e Roberto Varotto, mentre dal Turbine passano in biancorosso Luciano Ballarini e Toni Ingegnoli, quest’ultimo con il passaggio di Guido “Jackie” Radaelli al Brunico sarà il secondo di Viale.

PresidenteTullio Monzino
AllenatoreAldo Federici
RuoloGiocatori con almeno una presenza in prima squadra.
PFranco Viale, Antonio Ingegnoli.
DRenato Brivio (C), Jerry Lacasse, Alberto Pagliari, Renzo Stenico.
ALuciano Ballarini, Antonio e Manrico Casagrande, Ivo De Toni, Valter La Fisca, Ernesto Paracchini, Gianfranco Rudatis, Roberto Varotto.
RinforziGuido Radaelli (Brunico), Ken Chipman, Fulvio Corri, Pierluigi Crispino, Gigi Talamona (Turbine), Renato Lacedelli, Fabio Polloni (Cortina), Antonio Gagliardi (Auronzo), Alberto Scaggiari (Asiago), Jack Martin (canadese).

Le vicissitudini societarie hanno mandato a monte la prevista amichevole interna con il Grenoble, per non rimanere inattivi si va a Casate. In attesa dell’arrivo a Milano degli ultimi “acquisti”, si ricorre a elementi del Turbine.

Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.

Il 24 novembre parte la serie A, che ha finalmente raggiunto il numero tanto auspicato di dieci squadre al via. La nuova entrata è il Latemar Bolzano (la seconda squadra del Bolzano), come già fatto dal Brunico sfrutta la rinuncia del campione di serie B: ancora il Renon. Formula identica all’edizione precedente, ma questa volta al girone scudetto accedono le prime sei.

SquadraSponsorStranieroRuolo
AllegheCarpené MalvoltiViktor Tisler (YU)D
AsiagoDesparMike Hubbert (Can)A
AuronzoCanova GiocattoliRon Sabetta (Can)D
BolzanoSatib Coca-ColaJerry Morin (Can)A
BrunicoBirra DreherforteHeinz Bader (Ger)D
CortinaBiscotti DoriaRussel Kirk (Can)P
Diavoli MiMobili PintusJerry Lacasse (Can)D
GardenaA & OTimo Lahtinen (Fin)A
Latemar BzZabaione OvovoJaroslav Pavlu (CS)A
MeranoJaegermeisterPat O’ Banion (Can)A
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
Da sinistra: V. La Fisca, Ingegnoli e Varotto.
1973Serie ARisultato
28 novembreDiavoli Milano-Latemar Bz4-1 (2-0; 1-0; 1-1)
1 dicembreGardena-Diavoli Milano9-1 (4-0; 2-1; 3-0)

Dodici i giocatori di movimento a disposizione di Federici: pochissimi per disputare un intero campionato. Poi, come a Ortisei, quando ne manca uno (Antonio Casagrande) si comprende subito che con le grandi rivali non ci sarà mai partita e ci si dovrà affidare alle prodezze di Franco Viale. Retroguardia da inventare, Jerry Lacasse finirà per giocare quasi tutte le partite in difesa.

5 dicembre 1973Diavoli Milano-Asiago3-2 (1-1; 2-1: 0-0)
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
Franco Viale
12 dicembre 1973Diavoli Milano-Bolzano1-6 (1-2; 0-0; 0-4)
16 dicembre 1973Cortina-Diavoli Milano7-2 (3-0; 1-1; 3-1)
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
Valter La Fisca

Al fischio finale alcuni scalmanati aggrediscono e colpiscono un giocatore del Brunico. Il giudice sportivo sancisce la squalifica del campo per una giornata.

22 dicembre 1973Merano-Diavoli Milano5-3 (3-0; 2-2; 0-1)
27 dicembre 1973Diavoli Milano-Auronzo5-0 a tavolino

Diavoli-Auronzo sul neutro di Como, ma l’Auronzo non si presenta. Dapprima contesta scelta di Como, sia per ragioni economiche e sia per vicinanza con Milano. In seguito si controbatte che il telegramma FISG notificante il campo da gioco non è mai pervenuto in sede. Il giudice sportivo sancisce il 5-0 a tavolino per i Diavoli.

29 dicembre 1973Latemar Bz-Diavoli Milano3-4 (1-2; 1-2; 1-0)

2 gennaio 1974. Il Gardena, al momento capolista solitario, imperversa al Piranesi. Colpo durissimo l’infortunio subito da Ernesto Paracchini; arto ingessato al Fatebenefratelli: perso per il resto della stagione.

Articolo parziale da “La Gazzetta dello Sport”.
Tonino Ingegnoli.
4 gennaio 1974, articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
Da sinistra in piedi: Federici, Brivio, A. Casagrande, Paracchini, I. De Toni, Ballarini, Lacasse, M. Casagrande, Rudatis, Oriana. In prima fila: Pelacchi, Ingegnoli, Viale, Stenico, Pagliari, V. La Fisca, Varotto, dott. Pizzocari.
5 gennaio 1974Asiago-Diavoli Milano0-2 (0-0; 0-1; 0-1)
9 gennaio 1974Diavoli Milano-Alleghe0-8 (0-4; 0-2; 0-2)

Alleghe a raffica, ma Diavoli con la miseria di nove giocatori di movimento. Oltre a Paracchini, Federici perde definitivamente Antonio Casagrande. Assente anche Valter La Fisca messo k.o. dall’influenza.

14 gennaio 1974Bolzano-Diavoli Milano6-3 (1-0; 2-1; 3-2)
16 gennaio 1974Diavoli Milano-Cortina2-8 (0-3; 0-2; 2-3)
19 gennaio 1974Brunico-Diavoli Milano4-4 (1-2; 2-0; 1-2)

La prima fase si chiude al Piranesi con il Merano, il sesto posto garantisce la qualificazione al girone d’eccellenza.

Articolo da “La Gazzetta dello Sport” . (Manca un gol dei Diavoli)

Le prime sei, come la scorsa stagione, si contendono la Coppa Italia sempre ripartendo da zero.

26 gennaio 1974Gardena-Diavoli Milano7-5 (2-2; 2-1; 3-2)
30 gennaio 1974Diavoli Milano-Bolzano1-3 (1-2; 0-1; 0-0)
2 febbraio 1974Cortina-Diavoli Milano12-1 (5-0; 2-0; 5-0)
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
9 febbraio 1974Alleghe-Diavoli Milano7-5 (4-2; 2-1; 1-2)
13 febbraio 1974Diavoli Milano-Gardena3-4 (3-0; 0-2; 0-2)
Articolo parziale da “La Gazzetta dello Sport”.
Valter La Fisca
16 febbraio 1974Bolzano-Diavoli Milano9-4 (2-1; 5-1; 2-2)
20 febbraio 1974Diavoli Milano-Cortina0-10 (0-4; 0-2; 0-4)
23 febbraio 1974Merano-Diavoli Milano9-5 (1-0; 3-3; 5-2)

L’ultima di campionato e della stagione con Paracchini al rientro.

Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
Da sinistra: Renato De Toni, Brivio e Ballarini.

Il Cortina si riprende lo scudetto e vincendo tutte le partite del girone finale riconquista la Coppa Italia.

Partendo da ore 7 e procedendo in senso orario: Rudatis, Ivo De Toni, Viale, Brivio, Paracchini, Lacasse e Valter La Fisca.
Classifica marcatori stagionali Diavoli MilanoReti
Gianfranco Rudatis (27 presenze)29
Jerry Lacasse (26)18
Valter La Fisca (28)14
Manrico Casagrande (28)6
Renato Brivio (30), Ernesto Paracchini (14)5
Ivo De Toni (28)4
Luciano Ballarini (24), Alberto Pagliari (25), Ken Chipman (1), Jack Martin (2)1
Diavoli Milano-Auronzo 5-0 a tavolino
Mancano 10 reti: Sel. Fr. (2), Gap (3), Italia (4) e Merano (1)
CAMPIONATO ALLIEVI DIAVOLI MOBILI PINTUS HC MILANO

Da “La Gazzetta dello Sport”.
Da “La Gazzetta dello Sport”.

Nel girone nord-occidentale del campionato allievi Diavoli preceduti dai Draghi Torino.

A fine stagione l’Ice Club Como organizza un torneo per squadre juniores. I Diavoli partecipano con una mista composta da elementi degli allievi e giocatori del Turbine che rispettano l’età richiesta dalla categoria.

Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
CAMPIONATO DEL MONDO GRUPPO C (FRANCIA)

Nazionale condotta da Tino Crotti (presidente della commissione tecnica) e allenata da Aldo Federici. Tre i Diavoli in azzurro: Franco Viale, Renato Brivio e Gianfranco Rudatis. Nello staff presenti anche il dott. Bruno Pizzocari e il massaggiatore Bruno Pelacchi. Solo una settimana per la preparazione e due match a Chamonix giocate come Rappresentativa Italiana (12-2 e 5-4).

Grenoble, 8 marzo 1974Italia-Corea del Nord11-2 (1-2; 4-0; 6-0)
Gap, 10 marzo 1974Italia-Bulgaria3-2 (0-0; 1-2; 2-0)
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
Gap, 12 marzo 1974Italia-Cina5-1 (1-0; 4-0; 0-1)
Lione, 14 marzo 1974Italia-Australia13-0 (2-0; 7-0; 4-0)
Articolo da “La Gazzetta dello Sport”.
Articolo parziale da “La Gazzetta dello Sport”.
SVIZZERA12Francia8
ITALIA11Cina3
Bulgaria9Australia2
Ungheria9Corea del Nord2
Classifica marcatoriPunti
1 Urs Lott (Svizzera)16 (12+4)
2 Gianfranco Rudatis (Italia)13 (4+9)
3 Renato De Toni (Italia)12 (11+1)
stagione precedentestagione successiva
Turbine Milano