Valpe-Milano 0-3 (0-2; 0-0; 0-1)

vallorani e campanale

Round 2: Milano che cerca conferme, Valpellice che deve evitare l’allargamento del divario. L’assedio Valpe in avvio, dunque, non sorprende. Il Milano patisce, sembra un po’ contratto soprattutto in fase difensiva, i piemontesi hanno qualche grossa occasione e si trema, Caffi è ancora pronto e lucido. Come sabato, tuttavia, col passare dei minuti la pressione torrese cala e la supremazia biancorossa si squaglia. I rossoblu mettono fuori la testa, cominciano a premere e trovano quasi subito il vantaggio – minuto 11’47″ – grazie a un ottimo cambio del terzo blocco: deviazione di Frei e 1-0. Il Milano prende in mano l’inerzia, ha altre occasioni e al 15’35″ arriva il meritato raddoppio con Vallorani. La Valpe subisce, si vede solo quando la retroguardia rossoblu pecca sporadicamente in lucidità, ma in fase offensiva i meneghini dominano, illuminati dalle magie del folletto di Hamilton e dal playmaking di un Matt Waddell finalmente all’altezza della sua fama. Secondo periodo coerente con questa dinamica: il Milano gestisce una sostanziale supremazia territoriale. È una frazione combattuta perché ricca di powerplay equamente distribuiti: prima ne usufruisce il Milano, che ha anche quasi un minuto di doppia superiorità ma non riesce a sfruttare un potenziale momento chiave per ‘segnare’ la gara, poi è il turno della Valpe – anch’essa con una fase di doppia superiorità – ma in casa rossoblu il pk funziona meglio del powerplay e Caffi è comunque insuperabile. Quanto si torna in parità numerica il Milano ricomincia a premere, Lutz coglie un clamoroso palo e infine la sirena interrompe una convulsa fase di ‘run and gun’. Terzo drittel: la Valpe prova ad alzare il ritmo ma Cambell prende subito 2′+2′; è un’altra ghiotta occasione per indirizzare in maniera decisa la partita. Il powerplay gira meglio ma arriva solo un palo di Campanale. Il Milano non è sufficientemente cinico, ma nemmeno fortunato. Eppure, ha qualcosa di più forte della sorte: Lutz mette Vallorani in uno vs zero e il magico folletto lo infila tra i gambali di Sidor: 3-0 a 14′ dal termine. La Valpe ci prova, ma stasera non c’è nulla da fare; il Milano controlla in tranquillità e porta a casa una gara-2 sostanzialmente dominata dopo un inizio difficile, davanti al solito nutrito, rumoroso e colorato settore rossoblu che dà vita al Cotta Morandini. Da sottolineare il grande shutout di Alex Caffi. Ora è fondamentale selezionare cosa dimenticare ( il punteggio complessivo ) e cosa tenere ben presente ( la dinamica mentale che si sta installando nella serie ). Ci vediamo Giovedì all’Agorà, gara-3.

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.