Posts Tagged ‘playoff’

Dopo la Coppa Italia anche il Campionato è rossoblu; grande rimonta al San Michele: Milano-Eppan 3-2.

carola

Mancano tre ore al primo ingaggio, forse qualcosa di meno o magari qualcosina di più, e si sale verso l’Arena San Michele giusto per sapere dov’è, dove si gioca. Ci viene incontro di corsa un atleta e lo riconosciamo: vai Marcellino! E lui un bel sorriso e giù per la discesa per un solitario jogging pre-partita. Ancora non lo sappiamo, ma abbiamo incontrato il protagonista della serata, anzi abbiamo appena salutato l’uomo campionato! Leggi >>

Gara 3 di finale: Milano-Eppan 4-0, l’ago della bilancia è sempre l’Agorà.

32836499882_0c12d16b45_z

Finale atto terzo. Il Milano è costretto dal giudice sportivo a rinunciare a Re (due giornate di squalifica), l’Eppan è al completo, anche se la presenza di Hannes Andergassen è praticamente simbolica. Il primo acuto è di Waldner, la risposta rossoblu è affidata all’asse Perna-Borghi: Tomasi sventa la minaccia. Al 7’21″ Ilic spedisce il disco fuori dal rettangolo di gioco e si busca due minuti di panca per ritardo del gioco. Il tempo di vedere Tura bloccare una rasoiata di Ceresa e il Milano piazza un terrificante uno-due che agli effetti del prosieguo della partita è determinante. Leggi >>

Gara 2 di finale: l’Eppan ne fa 3 e il Milano solo 2, tutto da rifare.

33714390171_870319c969_z

Partenza lanciata dei rossoblu, ma all’arrivo il bottino se lo arraffano i pirati. Per come sono andate le cose c’è da pensare che le due partite in più giocate dal Milano in semifinale questa sera si siano proprio fatte sentire. L’Eppan è al completo, mentre tra i difensori del Milano non c’è Betti e negli ultimi cinque minuti i rossoblu hanno perso anche Re, che per una carica da tergo si è preso cinque minuti più venti; per il capitano la partita è finita lì e speriamo che non arrivi anche la squalifica. Leggi >>

Gara 5 di semifinale: 4-2 al Merano, il Milano e il suo popolo sono in finale.

29948392040_ef0044e5d9_z

La finale è del Milano, i rossoblu se la sono sudata e guadagnata con merito, hanno sofferto fino a pochi secondi dalla conclusione e il Merano, che non ha mai mollato, alla fine si è dovuto arrendere. Per la partita decisiva coach Da Rin modifica secondo e terzo blocco difensivo e schiera Ilic con Spimpolo e Piccinelli con Betti. Coach Max Ansoldi invece mischia le carte in attacco e al primo ingaggio con Lo Presti e Moren c’è Thaler. Leggi >>

Gara 3 di semifinale: il bastione Agorà tiene, 4-3 per il Milano e vantaggio sul Merano riconquistato.

33475347152_7e9b499117_z

Milano per riconquistare il vantaggio, Merano per conseguirlo. Una manciata di secondi e il primo portiere a essere chiamato in causa è Tura, la conclusione è di Thomas Mitterer che in chiave realizzatrice si ergerà a protagonista della serata. Un minuto e Asinelli impegna Quagliato, la parata è difficoltosa, il disco sparisce e riappare sulla linea; la porzione di tifosi rossoblu posizionata in quel settore grida al gol, ma è solo un’impressione dettata dal desiderio. Leggi >>

Gara 2 di semifinale: il Merano (4-1) pareggia i conti.

32130949445_ee4203a4ae_z

Il Milano cade alla MeranArena e la serie è ora sull’uno a uno. I rossoblu, con soli cinque difensori, sono stati largamente sconfitti dai bianconeri di Max Ansoldi e per mantenere intatte le speranze di giungere in finale dovranno raccogliere il massimo nella roccaforte dell’Agorà.
Gli uomini di coach Da Rin hanno impegnato Quagliato con tiri da tutte le posizioni, ma il goalie meranese si è arreso solo a Tommy Terzago (1-1) quando la sua squadra giocava in inferiorità numerica, non a caso dopo l’ultima sirena è stato omaggiato da tutti i compagni di squadra. Leggi >>

Gara 3 più dura del previsto, ma il Milano è in semifinale.

29948392040_ef0044e5d9_z

Un’occhiata al foglio partita e ci si accorge che manca Matteo Mondon Marin. Da Rin parte con cinque difensori e sposta Piccinelli in avanti con Terzago e Asinelli. Il primo disco buono è sul bastone di Vanetti, ma Peiti si salva. Rispetto alle due precedenti partite il Pergine appare più concreto, cerca e trova buone azioni offensive, non da comunque la sensazione di essere in grado di acquisire il controllo del match. I rossoblu crescono e passano al 6’11″ quando Petrov serve Pozzi che infila il disco alle spalle di Peiti. Leggi >>

Gara 2 dei quarti: Milano ancora travolgente, a Pergine finisce 11-2.

31394608762_1f5fa9d134

Venerdì scorso al termine di gara 1, vinta dal Milano in scioltezza, abbiamo avuto in tanti la sensazione che il Pergine non si fosse espresso al meglio e che per esternare un’opinione più concreta sulla prestazione delle due contendenti sarebbe stato meglio attendere l’esito di gara 2. Dopo la gara di questa sera in Valsugana cresce la convinzione che il problema per il Pergine derivi dalla somma di diversi fattori come il rendimento, il livello di gioco, la determinazione raggiunti dal Milano a questo punto della stagione. Leggi >>