Imposta come home page Aggiungi ai preferiti Forum

Scrivimi

Milanosiamonoi - il sito
  STAGIONE 2012-13
  ARCHIVIO STORICO
  DOWNLOAD
  VARIE
  CONTATTI

   

STAMPA

Storia - 1994-95
 

Logo Milano

 
Sportivi Ghiaccio Milano
Presidente: Massimo Moretti  Allenatore: Kim Gellert
Stadio: Palacandy, Milano Sponsor: Saima
Fondata nel: 1993  Colori: Rosso, Blu
Campionato: 4 posto 6 Nazioni: elim. girone qual.

          

  

 

 

Il roster

  Cronaca della stagione

Durante l'estate 1994 la Sportivi Ghiaccio Milano aveva operato sul mercato nella convinzione di potere schierare 10 transfer card: erano così stati tesserati  i russi Igor Boriskov, Igor Petrov, Vladimir Kotchine, gli oriundi Zanier, Bartolone, Iaquinta, Vani, De Gaetano, Fiore e c'era una trattativa in corso per l'acquisto di Cassidy. 

 

Ma il 28 luglio 1994 la federazione emanò il nuovo regolamento in materia di transfer card che, riassumendo, consentiva di schierare giocatori stranieri e oriundi in massimo di sei o, in alternativa, un numero illimitato di oriundi. 

 

A questo punto Moretti ricorse al Tar ma, nel contempo, rimise mano al portafoglio: ai confermati Zanier, Bartolone, Comploi, Comploj, Iaquinta, Fiore, Mosele, Sala, Vani e Cotini, aggiunse il portiere Allevato, il difensore De Zordo e gli attaccanti oriundi Beattie, Di Muzio, Ferraccioli e Pietroniro oltre agli italiani Ansoldi, Cereghini, Pappalardo, Pixner e Scudier. 

 

Dopo alcune partite in 6 nazioni Pixner e Pappalardo furono allontanati per motivi disciplinari, mentre, a campionato iniziato, arrivarono Rossi, De Gaetano e Volante. 

 

Il Milano usò il torneo internazionale come palestra per il campionato, in cui partì a razzo: quattro vittorie nelle prime quattro partite, in particolare quella a Varese ottenuta a tre secondi dalla fine con goal di Beattie. Poi il rendimento della squadra si stabilizzò e il Milano concluse la regular season in quarta posizione. 

 

I play off prevedevano nei quarti di finale il derby con i Devils e il Saima vi giungeva senza gli infortunati Ansoldi, Zanier e lo squalificato Rossi: tutto sembrava contro i rossoblu ma le sorprendenti prestazioni di Allevato consentirono alla squadra di aggiudicarsi la decisiva gara 3, che non solo dava l'accesso alle semifinali ma che in pratica segnava la fine del derby milanese moderno. 

 

Nelle semifinali col Bolzano molta sfortuna e i soliti torti arbitrali ci condannavano ad un 1-3 che consegnava al Milano il quarto posto finale in campionato. 

 

Di questa stagione sono anche da segnalare la festa del decennale dell'hockey rossoblu in cui venne premiato l'All Star Team del Milano (Zanier, Manno, Bartolone e Stewart ex-equo, Chabot, Lavallee, Beraldo) e il passaggio della società S.G. Milano da Moretti a Quintavalle che come primo atto ufficiale da presidente cambiò il nome in H.C. Milano 24.

 
 
 

Scott Beattiei n17

 
 

Frank Di Muzio n19

 
 

Momenti di festa

Milanosiamonoi - il sito
TOP LINKS

 

 

 

 

 
 

Google