Imposta come home page Aggiungi ai preferiti Forum

Scrivimi

Milanosiamonoi - il sito
  STAGIONE 2012-13
  ARCHIVIO STORICO
  DOWNLOAD
  VARIE
  CONTATTI

   

STAMPA

Storia - 1992-93
 

Logo Milano

 
Hockey Club Milano
Presidente:    Allenatore:  
Stadio:    Sponsor:   
Fondata nel:    Colori:   
Campionato:    Alpenliga:   

 

  

  

   

Il roster

  Cronaca della stagione

L'H.C.MILANO MUORE.

Alcuni dei migliori giocatori (Campese, Stewart, Foglietta, Vecchiarelli, Beraldo e Chabot) finirono ai Devils, Manno ebbe modo di terminare la carriera di giocatore a Bolzano, Larson ad Aosta, Lavallee e Vacca si trasferirono in Germania prima di appendere i pattini al chiodo qualche anno dopo, Fascinato finì in Inghilterra, Favalli a Chiavenna mentre gli altri andarono a giocare nelle minors nord americane: Zanier e Rossi a Dallas agli ordini di Flockart, Iaquinta e Fiore a Oklahoma. Mastrullo, Carlacci, Ciarcia, Bragnalo e Priondolo chiusero la carriera di giocatori col Milano mentre Johnson tornò a giocare solo con la nazionale USA (a 41 anni ) nel novembre 1998 per mantenere la sua squadra nei mondiali gruppo A.

 
Caratteristica di quest'anno è il cosiddetto tifo-contro: non potendo tifare per il Milano, infatti, gli ultrà milanesi non perdevano occasione per recarsi al Forum a inveire contro i Devils. Le occasioni migliori si presentarono per le semifinali europee che vedevano protagonisti i Devils e per le finali del campionato italiano che videro i diavoletti affrontare il Bolzano. 

 

In entrambe le occasioni vittima designata fu Berlusconi colpevole di aver comprato 5 giocatori dal Milano sperando di comprarne pure i tifosi. Gli striscioni più gettonati furono "Silvio la nostra fede non si compra", "ci hanno tolto la squadra non la fede" e "HCM: nessuna notte è tanto lunga da impedire al sole di risorgere e noi risorgeremo".

 

 


Per i Devils divenne più difficile giocare in casa che fuori.

 

Sabato 3 aprile fu organizzata un'amichevole che vedeva contrapposti una squadra di ex rossoblu ad una formazione all-star del Varese.
Per il Milano si presentarono Zanier, Tigliani, Ciarcia, Manno, Fascinato, Larson, Spiriti, Tessari, Rossi, Mazzocchi, Bragnalo, Anisin, Priondolo, Frison, Favalli, Gellert, Vacca e Chabot oltre a Chipperfield come allenatore e ad oltre 4000 tifosi che riempirono il Palacandy.

  
Al termine dell'incontro Alvise di Canossa e Massimo Moretti, commossi dalla muraglia umana presente sugli spalti, si diedero appuntamento a dopo Pasqua.

 

I cori "non ci lasciare, Alvise non ci lasciare" e "ora, per sempre, Moretti presidente" avevano fatto breccia in loro, ponendo le basi per il ritorno sul ghiaccio del Milano.

 

 
 
 

La rabbia dei tifosi

 
 

Il manifesto della partita revival

 
 
Milanosiamonoi - il sito
TOP LINKS

 

 

 

 

 
 

Google