Il Milano batte il Como (6-2) e conserva cinque punti di vantaggio sull’Eppan.

2017.12.20 Co Mi Petrov

Como a Milano per il match della diciannovesima giornata della prima fase, come la scorsa stagione si gioca all’Agorà per i perduranti problemi dell’impianto di Casate. Serata dedicata al Teddy Bears Toss e alla prima rete la patinoire si è riempita di simpatici animaletti di peluche acquistati dai presenti prima della partita e il cui ricavato verrà devoluto alla onlus dottor Sorriso.
E’ la ventisettesima volta che Como e Milano si incontrano per una partita di campionato, tutti i confronti validi per il torneo di serie B. I numeri dicono tredici a dodici per i rossoblu in più c’è anche un pareggio, ma le vittorie lariane si perdono negli anni Ottanta, quando il Milano aveva da poco ripreso la sua vita hockeistica e il Como giocava sempre per la promozione nella massima serie.
Il pronostico è stato rispettato e il Milano si è portato a casa i tre punti. I lariani non hanno sfruttato la grossa opportunità di passare in vantaggio all’inizio del match, quando per un minuto e trentacinque secondi giostravano in doppia superiorità numerica. La cosa è invece riuscita ai rossoblu al 10’56″ quando con l’uomo in più sul ghiaccio Domenico Perna ha realizzato la prima rete della serata. Il raddoppio giungeva quasi immediatamente e Tommy Terzago, al rientro in campionato, prima di battere Tesini si concedeva il lusso di pattinare, disco sul bastone, per ben due volte intorno alla gabbia. Prima della pausa da segnalare due grandi occasioni sprecate da Marcello Borghi, entrambe in inferiorità numerica.
Nel secondo tempo non tornava sul ghiaccio Fabrizio Senoner, che andava ad aggiungersi agli assenti Radin, Raimondi e Asinelli: Piccinelli arretrava in difesa. Prima occasione da gol per Marcello Borghi, poi era il comasco Tilaro a non concretizzare un bellissimo assist di Formentini, questa sera probabilmente il migliore dei suoi. Al sesto minuto esatto gol di Perna e rossoblu che allentavano la morsa. Il Como ne approffittava al volo e riapriva la partita con le reti di Tilaro e Cordin. A ridare la giusta distanza al punteggio ci pensava Marcello Borghi al 16’59″, anche se l’azione offensiva milanese è parsa macchiata da un possibile fuorigioco.
Nell’ultimo periodo il Como ha sparato senza fortuna tutte le cartucce nei prime sette/otto minuti, sprecando anche un paio di superiorità numeriche quasi consecutive e al termine del match la statistica dirà zero su otto. Il Milano ha controllato la situazione, ha dato spazio a Toppan, Lodolo e Carati e ha aumentato il vantaggio con due reti di Petrov, la seconda in superiorità numerica. Rossoblu sempre col vento in poppa e sabato trasferta ad Alleghe per mantenere il vantaggio acquisito in vista del big match con l’Eppan del 28 dicembre all’Agorà.
Prima dell’inizio è stato osservato un minuto di silenzio in ricordo della mamma del dottor Daniel Di Mattia (Milano) recentemente scomparsa.

COMO-MILANO 2-6 (0-2; 2-2; 0-2)
1° t. 10’56″ Perna (Schina-Petrov) sup. num., 12’09″ Terzago.
2° t. 6′ Perna (Re-Piccinelli), 6’36″ Tilaro, 10’05″ Cordin (Tilaro), 16’59″ M. Borghi (Petrov).
3° t. 8’13″ Petrov (Perna), 11’50″ Petrov (Perna-Re) sup. num.

COMO: Tesini (Menguzzato dal 9’06″ del 3° t.); Valli, Vallazza; Codebò, Ricca; Parolini, Garnier; Filippo Ambrosoli, Formentini, Tilaro; Sorarù, Cordin, Gosetto; Guaita, J. Fusini. Coach: Petr Malkov.
MILANO: Tura (Pignatti); Re, F. Senoner; Ilic, Schina; Fadani, Toppan; Perna, Petrov, M. Borghi; Terzago, Piccinelli, Colombo; Xamin, Vanetti, Pirelli; Lodolo, Carati. Coach: Massimo Da Rin.

Arbitri: Simone Mischiatti, Willy Vinicio Volcan, Matteo Oderda e Simone Vignolo.
Spettatori. 500.

Classifica:
Milano 54, Eppan 49, Merano e Fiemme 38, Pergine 32, Caldaro 29,
Ora 28, Como 20, Varese 18, Alleghe 17, Chiavenna 15, Feltre 4.

Prossimo turno, sabato 23 dicembre:
Alleghe-Milano (ore 18.00)
Como-Caldaro
Pergine-Varese
Chiavenna-Ora
Merano-Feltre
Eppan-Fiemme

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.