STAMPA

Due parole con Rossi

Certamente i tifosi Italiani, soprattutto Milanesi, si ricorderanno di lui, giocatore storico della Milano Rossoblù, divenuto allenatore in seguito al licenziamento di Kim Gellert e poi allontanato dalla gestione Quintavalle. Attualmente Rico Rossi é l'Assistant Coach degli Adler Mannheim (DEL).

Milanosiamonoi:"Un giudizio sulla stagione appena conclusa".
Rico Rossi:"E' stato un anno difficile per Mannheim, qui noi partiamo sempre come i favoriti e abbiamo molta pressione addosso. Purtroppo le cose non sono andate benissimo e siamo usciti nei quarti di finale contro un fortissimo Hamburg."

MSN:"Oltretutto avete anche cambiato allenatore durante la stagione."
RR:"Si esatto in gennaio. E' stato un avvicendamento concordato tra le parti, la squadra faticava. Poi come é in ogni cambio ci si deve adattare al nuovo tipo di gioco e inevitabilmente le cose non possono andare bene da subito."

MSN:"Ritieni alla fine si stata una vittoria meritata quella dei Frankfurt Lions ?"
RR:"Si, hanno giocato bene tutto l'anno. Hanno avuto solo un breve periodo negativo verso la fine della stagione regolare che li ha fatti cadere dal 2° al 5° posto ma hanno dimostrato di saper reagire meritandosi il titolo."

MSN:"Visto che fai parte dello staff di Mannheim sai dirci cosa farà Mike Rosati la prossima stagione? Resta in Germania, magari come Coach o torna a Bolzano come si vocifera?"
RR:"Si dice questo ??? (ride). Non so nulla, sinceramente non so nulla."

MSN:"Invece i tuoi progetti per la prossima stagione quali sono?"
RR:"Sto'parlando in questi giorni con la società. C'é un progetto per prendere il posto di Head Coach con un nuovo farm team di Mannheim in 2a Lega per la prossima stagione, ma ci sono ancora alcuni punti da definire."

MSN:"Sei stato contattato da alcune squadre Italiane?"
RR:"Sento spesso Ico Migliore ma solo per amicizia non parliamo di lavoro, a Milano c'é Adolf Insam."

MSN:"Cosa ricordi della tua esperienza Italiana?"
RR:"Ho ricordi bellissimi, Milano é un ambiente unico, i tifosi soprattutto veramente unici, ma é ancora così? Ci sono ancora i ragazzi della Curva?"


MSN"E'ancora così, in gara 6 di finale ci saranno state 5.000 persone, a dirigere la Curva c'é sempre il Faraone, Luca Attisani."
RR:"Mi ricordo, sono unici, veramente unici."

MSN:"Segui ancora il Campionato Italiano? Come giudichi il livello dopo i fasti dello scorso decennio?"
RR:"Sinceramente quest'anno non ho seguito tantissimo però ricordo che negli anni passati il Campionato Italiano lo consideravano tra i primi 6/7 del mondo, poi c'é stata la crisi. C'erano oriundi davvero forti adesso a parte i soliti noti di nuovi c'é Justin Peca, che conosco personalmente. Anche gli Italiani erano forti a quei tempi. Comunque non mi sento di giudicare il livello attuale non avendo visto partite. Ma il prossimo anno che campionato ci sarà ? Decideranno ad agosto come al solito?"


MSN:"Per fortuna sembra di no, il Campionato dovrebbe essere a 10 squadre."
RR:"Ci saranno Torino e Varese?"


MSN:Varese si, Torino é retrocessa."
RR:"Un vero peccato per Torino soprattutto in previsione Olimpica. Sono contento per Varese loro devono stare in Serie A."

MSN:"Un'ultima domanda, alla quale puoi anche non rispondere, é vero quello che si dice che nel tuo ultimo anno a Milano furono i giocatori a remare contro di te ?"
RR:"Si, puoi dirlo é vero furono proprio alcuni giocatori a darmi contro sin dall'inizio. Alcuni contro i quali avevo giocato da avversario e che ce l'avevano con me perché dicevano che giocavo sporco. Non é vero chi mi conosce sa che io quando giocavo mettevo il cuore per la squadra, io quella la chiamo grinta, carattere e non cattiveria. Poi anche la società era debole, adesso con Alvise Di Canossa certe cose non potrebbero succedere. La nuova società é molto buona."

MSN:"In bocca al lupo per il futuro, e speriamo di rivederci in Italia."
RR:"Lo spero anch'io. Ciao a tutti i tifosi Italiani."

Ringraziamo Rico Rossi e gli Adler Mannheim per la disponibilità.