Archivio agosto, 2013

1993-2013, il richiamo dell’orgoglio.

199394fb

Nelle biblioteche di noi vecchi e malati saimini – ovvero quelli che i globuli rossi li hanno rossi ma i globuli bianchi li hanno ormai blu, quelli come il nostro amico Marino che da tre anni e qualche giorno insegna il forechecking agli angeli – ci sono alcuni volumi immancabili, imprescindibili, intoccabili da mani profane. Uno di questi si intitola “Milano Siamo Noi”: ripercorre la storia del Milano partendo dal 1985 e chiudendo con la nascita della Sportivi Ghiaccio Milano, la squadra che nel 1993 resuscitò il Rossoblu dopo un anno di temporanea assenza dal ghiaccio conseguente alla chiusura dell’HCM a fine stagione ’91/’92. Una squadra tuttora adorata da chi l’ha vissuta, una stagione tuttora ricordata come pura leggenda da chi c’era. Cosa vinse la SGM? Nulla, eppure rimane oggi come simbolo assoluto di quel che Saima significa, di quel che l’hockey Milano è per la sua gente: è un risultato mistico, per ottenere il quale non contano gol e scudetti, ma spirito, clima, atmosfera, chimica tra squadra, società e tifosi. E quell’anno, malgrado un roster senza superstar o quasi, tutte quelle cose si svilupparono in maniera organica e perfetta: poche risorse, una situazione organizzativa tutta da costruire, ma tanto cuore, tanta umiltà e, sul ghiaccio, gente con palle enormi, per essere chiari. Chi c’era, rivedendo oggi quella maglia, prova ancora un brivido. Non è freddo, è orgoglio. Sono passati vent’anni? Ma va, dai, non può essere, era ieri, tutto ancora troppo vivo. Ieri, oggi e domani.  E dopodomani, quando comincia una nuova stagione, già battezzata “anno dell’orgoglio”. Cosa vuol dire esattamente? Cosa significa? Forse è difficile spiegarlo a parole. Ad ogni modo, la risposta, per chi la vuole cercare, non sta certo nel dizionario alla voce “orgoglio”. Sta nei libri di storia hockeystica, che siano stampati su carta o impressi su anima, alla voce “eroi del 1993″.

Leggi >>

Lunedì 2 Settembre, ore 11: It’s Saimatime!

allenamenti

Tutti tristi perchè son finite le ferie??!?

 ma va tutti felici perchè ritorna

LA SAIMA SUL GHIACCIO!!!

A sei mesi di distanza dall’ultima partita dei playoff contro Il Valpusteria (2 Marzo), Il Milano torna sul ghiaccio per preparare la nuova stagione. Lunedì alle ore 11, primo allenamento della truppa guidata dal confermato Adolf Insam. Di seguito gli orari della prima settimana.

Leggi >>

Altri rinnovi in casa rossoblu

attaccanti

Continua senza soste il lavoro della dirigenza rossoblu nell’allestimento della squadra che lunedì prossimo inizierà il training-camp in vista del via ufficiale della stagione previsto per il 21 Settembre. Dopo M.Borghi e Caletti, sono stati rinnovati gli accordi con il capitano Tommaso Migliore, gli attaccanti Manuel Lo Presti e Tommaso Goi ed il jolly Niccolo’ Lo Russo.

Leggi >>

Caletti e M.Borghi ancora in rossoblu

calettiborghi

Prime importanti conferme nello scacchiere offensivo di ADOLF INSAM. Dopo il roboante arrivo di NICOLA FONTANIVE e gli innesti dei nordamericani ESTOCLET e SCHELL, la dirigenza rossoblu ha rinnovato gli accordi con EDOARDO CALETTI e MARCELLO BORGHI.

Leggi >>

Confermati Lutz, Re e Latin, Liffiton in Svezia.

difensori

Settimana di annunci in casa rossoblu, dopo i goalies DellaBella e Tesini, è la volta del pacchetto arretrato a prendere forma. Dopo l’arrivo del “blueliner” Fritsch e del “figliol prodigo” Alex Gellert, la dirigenza rossoblu ha rinnovato i contratti di Andreas Lutz, Alessandro Re e Niccolò Latin, mentre David Liffiton saluta la truppa avendo firmato un try-out con la prestigiosa formazione del Fajrestad in Swedish Hockey League.

Leggi >>

Il roster prende forma: i portieri

portieri 2

Dopo l’importante arrivo di PAUL DAINTON, che sarà l’indiscusso leader della gabbia rossoblu, il confermato PAOLO DELLA BELLA  e il ritorno di FEDERICO TESINI completeranno la rosa di portieri del Milano 2013/2014.

PAOLO DELLA BELLA – Classe 1977, ha sempre fatto parte, fin dal 2008, dell’Hockey Milano Rossoblu. Nella sua lunga e importante carriera ha vestito le maglie dell’Ambrì Piotta, del Davos, del Metallurg Magnitogorsk e del Lugano prima di approdare in Italia a Varese, prima di trasferirsi a Milano nel 2005 per fare il back-up al goalie svedese del Milano, ai tempi targato Vipers, Magnus “mankan” Eriksson. Quest’anno Paolo, oltre ad essere uno dei portieri del roster, sarà l’allenatore dei portieri di tutto il settore giovanile e della prima squadra, oltre a coadiuvare coach Insam nel lavoro quotidiano.

Leggi >>

MilanoSiamoNoi cambia

Milanosiamonoi cambia

Milanosiamonoi cambia pelle rinnovandosi nella grafica e non solo. Gran parte dei contenuti della vecchia versione del sito sono già stati trasferiti in questa, quello che manca verrà gradatamente aggiunto per continuare a fare di questo sito l’archivio più ampio della storia dell’hockey milanese.

Dinasty: Alex Gellert è rossoblu.

A.Gellert in azione

Tra tutte le trame che il destino poteva disegnare per battezzare “l’anno dell’orgoglio”, difficilmente se ne può immaginare una più affascinante di quella che porterà un ragazzotto fresco di studi proveniente dall’Alaska-Anchorage University a Milano.
Dove è nato 24 anni fa, il 15 Settembre 1989.
Da una delle leggende che quell’orgoglio di essere il Milano lo hanno letteralmente inventato.
Alex Gellert, Kim Gellert.
Lo aveva previsto il grande Kim, intervistato tempo fa da Giorgio Prando: “mi piacerebbe tornare come coach in Italia, magari con mio figlio Alex che è un buon giocatore nella BCHL. Lui è nato a Milano ed ha cominciato a giocare proprio in città con Tommaso, il figlio di Ico Migliore. Sarebbe bello tornare un giorno”.

Leggi >>