Archivio giugno, 2013

Il giorno più lungo

Nati per Vincere

Serata difficile per gli astronomi, quella di ieri. Solstizio d’Estate: tutti lì pronti a verificare se il consueto ritardo di qualche ora rispetto all’anno precedente seguisse le solite tabelle ormai definite, digerite e consolidate; visi assonnati, espressioni di chi sa che il contrario non è possibile se non in seguito a gravi e devastanti perturbazioni. Chissà che sobbalzo, chissà quanti caffè volati per aria e sparsi per terra quando i computers hanno segnalato un’anomalia: qualche minuto di sfasamento rispetto ai calcoli. Fenomeno inedito, quasi inspiegabile. Sbilanciamento di pesi sulla superficie del pianeta Terra, asse inclinato di qualche grado in più e – taac- sconvolgimento in atto. Identificazione luogo della concentrazione anomala di pesi: Italia, Milano, quartiere gallaratese, spazio espositivo CMB. Identificazione faticosa, a dire il vero; quanto peseranno 500 consanguinei riuniti ad una festa di famiglia? Quarantacinque tonnellate compresi i fusti di birra? Pesi trascurabili su scala planetaria, suvvia. Si ma i cuori?

Leggi >>

21/6: il richiamo della famiglia

popolo rossoblu

Qualche tempo fa – era appena cominciata la scorsa stagione – qui su MSN tirammo in ballo il famosissimo passo tratto dal “Piccolo Principe” in cui la volpe insegna al protagonista il concetto di “legàmi” e di unicità nei confronti di qualcuno.
Sono passati molti mesi, è trascorsa un’annata difficile in cui forse il destino ha intenzionalmente voluto che fosse messo in mostra – con chiarezza e contemporaneità – tutto ciò che il Milano non deve essere, in modo da poter correggere la rotta per tempo.
Inutile tornare su aspetti noti a tutti, inutile rileggere gli appelli all’orgoglio, all’onore, alla tradizione caduti quasi completamente nel vuoto pneumatico di pattinate eternamente stanche, di visi demotivati, di (alcuni) giocatori senza fame, senza alcun senso nel nostro Milano, nonchè di partite con dieci tiri in porta.
Di tutti questi appelli, in fondo, l’unico che anche riletto oggi mantiene vivo il suo significato originario e non stimola qualche imprecazione è proprio quello relativo ai legàmi e all’unicità.

Leggi >>

I giorni dell’Orgoglio: apre la campagna abbonamenti.

600317_522592541141140_1306911804_n

Orgoglio, ultima frontiera.
Ci perdoneranno i “Trekkers”, ovvero i fans di Star Trek, per la deformazione e l’utilizzo “anomalo” dell’incipit della sigla originale del telefilm, ma nel contesto hockeystico attuale il paragone con una civiltà che cerca con passione l’ultima possibile frontiera di sviluppo e crescita è tutto sommato coerente.
Crisi economica e finanziaria; istituzioni che, indipendentemente dalle circostanze storiche, mettono sempre una parete di sesto grado tutta da scalare tra le parole – di qualunque grandezza esse siano – e i fatti; problemi e problemuncoli di ogni tipo e genere: l’astronave-Milano deve alzare gli scudi e dirigersi a velocità-curvatura massima verso quella galassia là in fondo, quella che da sempre, in realtà, è consapevolezza di un porto sicuro nei momenti di bisogno, ma in cui ora bisogna gettarsi senza tante remore e senza più esitazioni.

Leggi >>

“Sporchiamo quelle maglie”: le nuove strade del settore giovanile rossoblu.

giovanili

Le maglie dei giovani rossoblu in erba, oltre che una loro ben nota sacralità intrinseca, hanno una caratteristica ormai consolidata: sono pulite. Solo colori e logo sociale. Niente sponsor.
Bello vedere la croce rossa e la”M” blu, inscindibilmente avvinghiate tra loro su quello sfondo bianco, risaltare senza ulteriori “distrazioni” cromatiche.
A volte, però, è necessario prendere in mano la barra del timone e virare con decisione finchè la corrente concede ancora di farlo, soprattutto in tempi come questi, in cui la navigazione si fa dura, durissima per tutti.
Si salverà chi saprà avvistare i gorghi da lontano e prendere la giusta direzione per tempo, senza esitare, senza gettare a mare tempo prezioso, perché di tempo non ce n’è più.
Questo lo spirito con cui il Milano sta intervenendo sulla gestione del suo settore giovanile, imprescindibile base portante del movimento hockeystico cittadino.
Paolo Della Bella e Andrea De Zordo sono le anime di questa virata, sono gli ufficiali di rotta, e l’impressione, parlando con loro di queste novità, è che sappiano bene dove dirigere la prua.

Leggi >>