33475347152_7e9b499117_z

Gara 3 di semifinale: il bastione Agorà tiene, 4-3 per il Milano e vantaggio sul Merano riconquistato.

Milano per riconquistare il vantaggio, Merano per conseguirlo. Una manciata di secondi e il primo portiere a essere chiamato in causa è Tura, la conclusione è di Thomas Mitterer che in chiave realizzatrice si ergerà a protagonista della serata. Un […]

32130949445_ee4203a4ae_z

Gara 2 di semifinale: il Merano (4-1) pareggia i conti.

Il Milano cade alla MeranArena e la serie è ora sull’uno a uno. I rossoblu, con soli cinque difensori, sono stati largamente sconfitti dai bianconeri di Max Ansoldi e per mantenere intatte le speranze di giungere in finale dovranno raccogliere […]

30127784574_dc7af129dc_z

Gara 1 di semifinale: i rossoblu partono col piede giusto, Milano-Merano 4-3.

Sul ghiaccio le protagoniste di questo finale di stagione, uscite allo scoperto dopo un buon girone di andata di regular season costellato da alcuni colpi a vuoto che non hanno permesso alle due favorite del campionato di primeggiare in classifica. […]

29948392040_ef0044e5d9_z

Gara 3 più dura del previsto, ma il Milano è in semifinale.

Un’occhiata al foglio partita e ci si accorge che manca Matteo Mondon Marin. Da Rin parte con cinque difensori e sposta Piccinelli in avanti con Terzago e Asinelli. Il primo disco buono è sul bastone di Vanetti, ma Peiti si […]

31394608762_1f5fa9d134

Gara 2 dei quarti: Milano ancora travolgente, a Pergine finisce 11-2.

Venerdì scorso al termine di gara 1, vinta dal Milano in scioltezza, abbiamo avuto in tanti la sensazione che il Pergine non si fosse espresso al meglio e che per esternare un’opinione più concreta sulla prestazione delle due contendenti sarebbe […]

 

Da non perdere!!!

libro

In occasione della chiusura dei Vipers e della nascita del Milano Rossoblu ho avuto modo di scambiare le prime mail con Tiziano Colnaghi, grande appassionato di hockey milanese fin dai tempi dei Diavoli. Quando mi raccontò, per dare visibilità alle sue prime ricerche, di avere in mente di scrivere un libro sulle origini dell’hockey milanese non avrei mai potuto immaginare dove sarebbe arrivato con l’impegno profuso per portare a termine il suo progetto. Ora come un bambino che ha appena ricevuto il suo giocattolo più desiderato ho tra le mani il suo libro, “Cronistoria dell’hockey su ghiaccio milanese [1924/1945]” oltre trecentotrenta pagine ricche di storie, aneddoti, fotografie per la maggior parte inedite. Il libro, auto-pubblicato, è in vendita. Per informazioni potete contattare direttamente l’autore tramite facebook o mail.

Gara 3 di semifinale: il bastione Agorà tiene, 4-3 per il Milano e vantaggio sul Merano riconquistato.

33475347152_7e9b499117_z

Milano per riconquistare il vantaggio, Merano per conseguirlo. Una manciata di secondi e il primo portiere a essere chiamato in causa è Tura, la conclusione è di Thomas Mitterer che in chiave realizzatrice si ergerà a protagonista della serata. Un minuto e Asinelli impegna Quagliato, la parata è difficoltosa, il disco sparisce e riappare sulla linea; la porzione di tifosi rossoblu posizionata in quel settore grida al gol, ma è solo un’impressione dettata dal desiderio. Leggi >>

Gara 2 di semifinale: il Merano (4-1) pareggia i conti.

32130949445_ee4203a4ae_z

Il Milano cade alla MeranArena e la serie è ora sull’uno a uno. I rossoblu, con soli cinque difensori, sono stati largamente sconfitti dai bianconeri di Max Ansoldi e per mantenere intatte le speranze di giungere in finale dovranno raccogliere il massimo nella roccaforte dell’Agorà.
Gli uomini di coach Da Rin hanno impegnato Quagliato con tiri da tutte le posizioni, ma il goalie meranese si è arreso solo a Tommy Terzago (1-1) quando la sua squadra giocava in inferiorità numerica, non a caso dopo l’ultima sirena è stato omaggiato da tutti i compagni di squadra. Leggi >>

Gara 1 di semifinale: i rossoblu partono col piede giusto, Milano-Merano 4-3.

30127784574_dc7af129dc_z

Sul ghiaccio le protagoniste di questo finale di stagione, uscite allo scoperto dopo un buon girone di andata di regular season costellato da alcuni colpi a vuoto che non hanno permesso alle due favorite del campionato di primeggiare in classifica. Dopo 24 gare Milano e Merano hanno messo insieme lo stesso numero di punti (56) e sorprendentemente hanno concluso entrambe con 17 partite vinte, 4 perse, una vinta ai rigori, una vinta al supplementare, una persa ai rigori e i rossoblu si sono aggiudicati il vantaggio per il maggiore numero di punti conquistati negli scontri diretti: cinque a uno. Leggi >>

Gara 3 più dura del previsto, ma il Milano è in semifinale.

29948392040_ef0044e5d9_z

Un’occhiata al foglio partita e ci si accorge che manca Matteo Mondon Marin. Da Rin parte con cinque difensori e sposta Piccinelli in avanti con Terzago e Asinelli. Il primo disco buono è sul bastone di Vanetti, ma Peiti si salva. Rispetto alle due precedenti partite il Pergine appare più concreto, cerca e trova buone azioni offensive, non da comunque la sensazione di essere in grado di acquisire il controllo del match. I rossoblu crescono e passano al 6’11″ quando Petrov serve Pozzi che infila il disco alle spalle di Peiti. Leggi >>

Gara 2 dei quarti: Milano ancora travolgente, a Pergine finisce 11-2.

31394608762_1f5fa9d134

Venerdì scorso al termine di gara 1, vinta dal Milano in scioltezza, abbiamo avuto in tanti la sensazione che il Pergine non si fosse espresso al meglio e che per esternare un’opinione più concreta sulla prestazione delle due contendenti sarebbe stato meglio attendere l’esito di gara 2. Dopo la gara di questa sera in Valsugana cresce la convinzione che il problema per il Pergine derivi dalla somma di diversi fattori come il rendimento, il livello di gioco, la determinazione raggiunti dal Milano a questo punto della stagione. Leggi >>

Primo round più facile del previsto: Milano-Pergine 5-1.

Gli uomini che diedero il via alla storia dell'hockey milanese...

Di solito la prima partita della serie è più tosta, più avvincente e più combattuta, ma tra Milano e Pergine le cose sono andate diversamente. I rossoblu hanno festeggiato il 93° compleanno, anche se nel corso degli anni ci sono state diverse soste ai box, incamerando una vittoria che i biancorossi trentini non sono mai riusciti a mettere in discussione. Pronti, via e in un botto si è passati dall’annullare un power play delle linci alla rete dell’uno a zero: fantastico assist di Marcello Borghi, eccellente controllo del disco da parte di Perna e limpida finalizzazione dello stesso giocatore, indiscusso leader della classifica marcatori. Leggi >>

Regular season terminata: Milano al secondo posto.

31394608762_1f5fa9d134

Il Milano conclude la regular season in seconda posizione. Il match con l’Ora, giocato a Egna, è rimasto in bilico per tutto il primo periodo, ma dopo lo 0-0 dei venti minuti iniziali per i rossoblu tutto è filato via liscio come l’olio, 9-2 il risultato finale. Leggi >>

2 marzo; HC Turbine e HC Milano Saima: stessa data, stessa sofferenza, stessa gioia…

turbine1

2 marzo, una data storica per i tifosi milanesi dell’era Saima, una data importante anche per i numerosi fans di lungo corso che seguivano l’hockey milanese già negli anni Settanta.
Due giorni dopo la conquista della coppa Italia 2017, la quarta per l’hockey milanese, oltre al celebre scudetto 1991, già raccontato su queste pagine, vogliamo ricordare la storica vittoria dell’Hockey Club Turbine Milano nel campionato di serie B del 1976/77. Nel suo quarantennale, lo facciamo raccontando l’epopea di questa squadra, dalla sua nascita alla sua trasformazione nei Diavoli Goldmarket, l’anno seguente a quella promozione.

Leggi >>